Connecting the Dots – Il Blog di Sara Borghi

Google Plus Pagine Brand – 25 Articoli Introduttivi

leave a comment »

Google-Plus-Pagine-Business

Da un paio di giorni, Aziende e Brand possono creare le proprie Pagine Business in Google+. Nel corso delle ultime 24 ore, ho raccolto una serie di articoli introduttivi sull’argomento. Alcuni fra questi mostrano esempi di aziende/istituzioni gia’ presenti e attive sulla piattaforma, altri ne appronfondiscono le caratteristiche, le opportunita’, i difetti. Altri infine spiegano concretamente come creare una pagina Fan in Google Plus.

Li condivido qui, sperando che possano esservi utili per chiarirvi le idee sull’argomento:

  1. Google+ Pages and Direct Search
  2. 7 Things to Know about Google Plus Pages for Brands
  3. Google+ Brand Pages are the ‘Wild West’ – for Now
  4. 16+ Universities dive into Google+ Brand Pages
  5. Contests and Promotions Not Allowed on Google+ Brand Pages
  6. How to Set Up a Google+ Brand Page
  7. Want to Run a Contest or Promotion on Google+? Not So Fast
  8. Google+ Pages Now Open For Businesses, Brands, Places & More
  9. Google+ Brand Pages Brain Food
  10. Google+ Pages: 10 Things You Need To Know About the Terms of Service
  11. Google+ Pages A Must For Businesses, But Come Off As Rushed
  12. Google+ Pages, 11 Tips To Get You Started
  13. How To Create A New Google+ Page And Connect It To Google Search
  14. How to Create a Google+ Business Page in 5 Simple steps
  15. Google+ Starts Rollling Out Pages for Business
  16. Introducing Google Plus Pages, Google Plus For Businesses & Brands
  17. Small Businesses Should Grab a Google+ Page, But…
  18. Google Plus Launches Pages For Brands And Business
  19. How The Traditional Search Landscape Is Changing In Front Of Our Eyes
  20. The Alphabet of Google+ Direct Connect
  21. Updated: Google+ Pages For Businesses: The AdWords Impact
  22. A Look At Google+ Direct Connect For Google+ Pages
  23. Up Close With Creating & Managing Google+ Pages 
  24. WHY A GOOGLE+ BRAND PAGE COULD BE MORE IMPORTANT THAN YOUR FACEBOOK PAGE
  25. Google+ Brand Pages vs. Facebook Fan Pages

Enjoy! 🙂

Sara

Trend nel Turismo Online in Asia – Australia, Cina e India

leave a comment »

La settimana scorsa ho partecipato ad un webinar realizzato da PhocusWright intitolato “Asia Pacific Online Travel Traffic Jam! Special Focus on Australia, India and China“. Dopo aver participato al Web in Travel di Singapore poche settimane fa (e soprattutto, vivendo in Australia), il mio interesse nei confronti dell’evoluzione nel turismo in questi paesi sta crescendo notevolmente.

I dati presentati nel corso nel webinar – realizzato in collaborazione con ComScore – seppur superficiali, dipingono un quadro relativo a queste economie Asiatiche veramente impressionante, nonche’ tassi di crescita nell’online travel di gran lunga superiori rispetto ai mercati occidentali e con caratteristiche molto diverse.

PhocusWright Asia Travel Market

Durante il webinar, sono intervenuti alcuni fra i principali esperti di settore:

In questo post, vorrei condividere con voi le slides dell’evento , cosi’ come i contenuti principali.

Onde evitare imprecisioni, preferisco riportare i miei ‘appunti’ in inglese (a costo di confondere Google 🙂 )

  • China and India are benefiting from rising disposable incomes, improvements in infrastructures and advancements in information technologies, all factors that come to influence the tourism sector directly.
  • Europe is still the World largest travel market, with nearly 300 billion dollars in gross travel bookings. 250 billion dollars worth bookings happened Asia Pacific. Asia Pacific gross bookings surpassed the US ones last year (2010).
  •  Within the Asia Pacific, few key markets – Japan China Australia/New Zealand and India – account for 80% of the whole region travel bookings. Japan leads with 86 billion dollars of travel bookings (2010) followed by China (63 billion), ANZ (29 billion) and India (18 billion)
  • Travel demand in China is booming. When it comes to online penetration, we see some striking differences between these markets. Online penetration in Australia and New Zealand reflects the more mature western markets, like US and Europe
  • In India, despite infrastructure challenges, the online penetration is very high (24% of bookings)
  • China, on the other hand has the higher number of mobile and internet users in the world. Despite this, the online internet penetration stands at 8%. This is because a significant chunk of bookings in China are still fulfilled offline or through call centers

  • Last year, the online travel growth of the Asia Pacific region was fenomenal, all markets very interested by a big rise. China and India will continue to grow in double digits, while the more mature online markets, Australia and Japan the growth will slow down
  • In Australia, the total internet population have the highest penetration of online traveller (nearly 1 out of 2 users use travel websites)
  • Australia also boasts the highest rate of internet users visiting travel websites (half of the internet users population, around 6 million). However, when compared to the other 3 markets, Australia counts for the least number of unique visitors
  •  In Japan, despite being the region with the largest online travel market, only 1 in 3 internet users visit travel websites
  • On the other hand, China shadows other markets in terms of monthly unique visitors visiting travel websites (14% of the total internet users). Chinese users are spending more time on Social Networks, gaming sites and media sites. Nearly 8 in 10 users visit these categories. This trend, presents long term growth opportunities for the online travel sector in China
  • Online travellers in the Asia Pacific can be divided in 2 age groups: the ‘Young’ and the ‘Mature’. In Australia and Japan, the demographics of online travellers trend more towards to ‘Mature’ age group. In contrast, the majority of online travellers in China and India belong to the “Young’ age group and they will continue to play a strong role in driving the region’s online growth. In India, three out of four Internet users are between 15 and 34 years old in the first quarter of 2011. Further, four in 10 Internet users are 25-34, an age group likely to have some purchasing power and disposable income. Also notable is the extremely low penetration among older adults. Only 8% of Internet users in India are 45 or older. Young Internet users also dominate in China, although to a lesser extent. In the first quarter of 2011, 15-34 year olds accounted for nearly 60% of China’s online population, and over three in 10 Internet users were 15-25. Nearly 178.8 mil­lion Chinese Internet users are 15-34, almost six times larger than the same population in India. It is this younger population that is driving heavy visitation to media, portal and entertainment sites in China. Australia and Japan reflect more mature online audiences, where Internet usage is far more prevalent across the total population. Internet users are more evenly divided across age groups. In both countries, roughly six in 10 Internet users in the first quarter of 2011 are older than 34 and one in five were older than 54. This stands in stark contrast to China and India, where just 6% and 2% of the total Internet population, respectively, were 55 or older. In Japan, nearly 17 million Internet users (23%) are 35-44, making this age group Japan’s largest

  • The Asia-Pacific traveller loves to shop online. Increased bookings across suppliers and online intermediaries sites. OTAs are the most frequented online travel category in the region (except for India, where they are the 2nd most frequented, but they are growing fast). OTAs category in Australia attracted 2 million visitors in the 4th quarter on 2010. In China, the category attracted 6 times more visitors in the first quarter of this year
  • Yet, OTAs share of traffic share in China is the least among the 3 countries
  • Surprisingly, ground transportation sites attract the most number of online travellers in India, led by the India rail booking site (10 million unique visitors)
  • Local OTAs attract the highest traffic across the 3 markets . There is a fierce competition among all the OTAs in these markets, exception made for China, where CTrip is the leader. CTrip is also the largest OTA in the Asia Pacific  in terms of gross bookings (almost 7 million unique visitors). India’s MakeMyTrip and Yatra follow (with 3,000 and 2,900 million unique visitors respectively). Global players such as Expedia and Travelocity haven’t make it in the Top 3.  Traffic to CTrip represents 16% of the online travel population in China. Traffic to MakeMyTrip, represent 18% of the total online travel population in India
  • Cleartrip is also growing very fast in India and it’s the fastest growing OTA among the ones mentioned
  • In terms of its visitor traffic, MakeMyTrip has the highest penetration of the total population in its country
  • In Australia, 31% of users who visited Wotif, also visited Qantas website. 1 in 5 of Wotif visitors also visited lastminute.com.au and Tripadvisor
  • For MakeMyTrip, only a handful of visitors go to airline websites (airlines in India work hand in hand with OTAs for distribution). 31% of MakeMyTrip visitors also visits Yatra (another OTAs). 36% of Wotif shoppers also visited IRCTC for rail fares and bookings
  • In case of CTrip, visitors to the site also shop on airlines sites in large numbers. 3 out of 4 also visited AirChina website. 1 out of 2 visited China’s second largest carrier, China Southern. Cross visitation among intermediaries is intense as well: nearly half of visitors to CTrip went to MangoCity and Priceline. 74% of CTrip visitors also visit the travel reviews site Lyping
  • Online travel shopping in the Asia Pacific begins with a search box! While Google dominates search in most markets, Baidu drives traffic in China
  • Search drives traffic to MakeMyTrip and Wotif, while in case of CTrip 18% of the traffic came from search. In absolute terms though, Ctrip search traffic is 3 times higher than MakeMyTtrip
  • OTAs are the largest referrals to Ctrip (1/4 of its visitors) . This proves that there’s a great deal of cross shopping between Chinese OTAs
  • Overall, traffic to travel reviews sites and metasearch in small, but at a country specific level there are some outliers. Metasearch counts for 25% of traffic in China, and reviews sites count for 13% and 10% of traffic in India and China respectively
  • Women tend to shop more travel online compared to men (however men tend to spend more time on the sites)

Per concludere, la APAC region sta indubbiamente diventando affollata e gran parte della popolazione attualmente attiva sul web sta iniziando a prenotare i propri viaggi online. Questi trend non possono essere ignorati e rappresentano una incredibile opportunita’ per gli operatori turistici di inserirsi in quella che attualmente e’ la seconda area al Mondo per quanto riguarda il turismo online…ma che e’ destinata a diventare molto presto la prima.

I dati presentati da questo webinar credo costituiscano una buona base per poter approndire e capire le dinamiche e le sfide connesse all’evoluzione del turismo nei mercati Asiatici.

Written by saraboargs

novembre 7, 2011 at 6:34 am

10 Consigli per prepararsi al meglio a una conferenza

leave a comment »

Il mese prossimo, partecipero’ al Web in Travel di Singapore, uno degli eventi principali legati al turismo online nel mercato asiatico.

Web in Travel Singapore
In merito a questo, riflettevo sulle mie esperienze passate e a come spesso mi sono ritrovata non del tutto ‘preparata’ ad affrontare un determinato evento. Credo sia normale per molti di noi, dal momento che spesso ci si ritrova sommersi di lavoro e presi da altro fino a pochi istanti prima dell’inizio dell’evento.

In questo posto vorrei condividere alcune idee e linee guida che sto seguendo per prepararmi al WIT e per massimizzare la participazione, l’interazione ed il ritorno dell’evento… sperando che possano essere utili anche voi. 🙂

#1 – Leggere attentamente il programma dell’evento

Sembrera’ scontato… ma informarsi sui keynote e sugli orari con un certo anticipo e’ essenziale. Spesso mi sono ritrovata ad ascoltare interventi tutto sommato a scarso valore aggiunto, per poi scoprire che in contemporanea si stava svolgendo un altro seminar molto piu’ interessante. Stampare il programma ed evidenziare i keynote ai quali si e’ maggiormente interessati  (magari inserendoli in agenda o nel calendario del proprio smartphone) puo’ essere molto utile per non farvi perdere tempo ed evitare delusioni.

#2 – Informarsi sugli speaker

Individuare gli speaker e raccogliere informazioni su di loro prima dell’evento puo’ contribuire a contestualizzarli maggiormente. Capire che ruolo hanno, leggerne interviste/pubblicazioni, appronfondire in anticipo il tema del keynote, seguirli su Twitter, vi consentira’ di trarre il massimo dal seminar stesso. Annotarsi in anticipo potenziali domande da rivolgere puo’ facilitare il contatto ‘face-to-face’ – se siete abbastanza audaci – a keynote concluso.

#3 – Interagire con altri partecipanti prima dell’evento

Interagire con i partecipanti prima dell’evento puo’ anticipare una parte del networking e facilitare l’approccio ‘dal vivo’. LinkedIn, Twitter e Facebook rendono questa attivita’ molto piu’ rapida e agevole rispetto ad alcuni anni fa. Alcune idee:

  • iscriversi alla Facebook Fan Page dell’evento e seguirne attivamente le discussioni
  • iscriversi al gruppo Linkedin associato all’evento, individuarne i membri ed aggiungerli al proprio network (presentandosi e dicendo che entrambi parteciperete all’evento ‘X’. per esperienza personale funziona e raramente una richiesta di contatto cosi’ formulata viene rifiutata)
  • seguire il profilo/hashtag ufficiale dell’evento su Twitter

#4 – Biglietti da visita

Avere biglietti da visita aggiornati  (ed in quantita’) e’ essenziale. Fate in mondo di NON rimanere senza a 2 giorni dall’evento 🙂 Se siete in possesso di un iPhone/Android phone, date un’occhiata a queste applicazioni.

#5  – Parlare con chi e’ seduto vicino a voi

Quando entro in una sala piena di gente (che spesso non conosco) solitamente vengo presa da una certa agitazione. Mi sono accorta che a volte un semplice  ‘Ciao‘ rivolto a chi mi e’ seduto di fianco puo ‘ avere un impatto notevole.  Una volta che si e’ rotto il ghiaccio, la conversazione spesso avviene spontaneamente e puo’ risultare molto interessante. Non abbiate paura e dimostrate un genuino interesse.

#6 – Registrare le sessioni

Se siete in possesso di una Flipcam, di un iPhone 4 o di qualsiasi altro strumento, non dimenticate di creare video. Oltre a filmare le parti piu’ interessanti delle sessioni, potete divertirvi ad intervistare alcuni partecipanti, descrivere le vostre impressioni alla fine di ogni giornata, immortalare attimi divertenti… non c’e’ davvero limite ala creativita’. E ricordatevi che ogni contenuto puo’ essere riproposto ed ottimizzato ad evento concluso.

#6 – Prendere appunti

Strumenti quali iPad e netbook… per non parlare di una semplice Moleskine sono di fondamentale aiuto. Del resto, qual’e’ lo scopo di participare ad un seminar se non acquisire ulteriori conoscenze e competenze? Annotate il piu’ possibile, anche i dati/informazioni che credete di ricordarvi.

#7 – Live chat

Ad ogni evento che si rispetti avente come tema il web, viene solitamente associato un hashtag in Twitter o una live chat. Partecipare alla conversazione non solo puo’ aiutare ad incrementare la visibilita’  e a guadagnare followers, ma consente una condivisione piu’ spontanea e genuina di opinioni e pareri con altri partecipanti e puo’ spianare la strada ad ulteriori opportunita’ di networking.

#8 – Condividere i contenuti ad evento concluso

Una volta rientrati, non lasciate passare troppi giorni… mettete sul tavolo tutto gli appunti, i video, il materiale che avete faticosamente raccolto durante l’evento, filtratene e ottimizzatene i contenuti, e riproponeteli sul vostro sito/blog/profilo/canale. Dopo aver participato ad un evento sul web marketing lo scorso Marzo, ho scritto un breve post a freddo, offrendo di condividere le registrazioni + appunti delle sessioni con chi fosse interessato. A sole 4 ore dall’upload dell’articolo, ho registrato piu’ di 100 visite al blog. Il tempismo premia.

#9 – Follow -up

Dopo aver incontrato (si spera!) persone super interessanti, e’ importante ordinare i contatti ad evento concluso e magari inviare una breve email, ringraziando per il tempo trascorso insieme e magari lasciando il proprio contatto Skype per approndire ulteriormente. Se ritenete opportuno, inviate una richiesta di contatto su Linkedin. Se avete pure bevuto una birra assieme, Facebook puo’ fare al caso vostro. 🙂

#10 – Scoprite il luogo e divertitevi!

Spesso participare ad un evento e’ anche l’occasione per scoprire un nuovo posto, approfondendone i locali, le usanze, la cultura. Anche se il tempo a disposizione non e’ molto, immergersi nell’offerta del luogo puo’ far nascere esperienze indimenticabili. Dopo tutto, non siamo topi da padiglione. 🙂

… beh…a questo punto non mi resta che prepararmi. 🙂

Ora tocca a voi: cosa vi hanno aiutato in passato a trarre il meglio da un evento? lasciate un commento!

Written by saraboargs

settembre 27, 2011 at 7:34 am

Pubblicato su lavoro, work

Tagged with , , , , , ,

L’evoluzione del Turismo Social – Infografica

leave a comment »

La start-up svedese Tripl (per ora accessibile soltanto ad invito) ha messo online da pochi giorni sul proprio sito una interessante infografica, che presenta alcuni dati (aggregati da diverse fonti) in merito allo stato dell’arte del turismo online, con particolare enfasi sul cosiddetto “social travel“.

Fra le statistiche – a mio avviso – piu’ interessanti:

  • entro la fine del 2012, assisteremo a circa 1.1 miliardi di arrivi internazionali
  • il 72% di coloro che possiedono un account su un social network accede ad esso quotidianamente durante il viaggio
  • soltanto il 7% di coloro che possiedono un account su un social network utilizzano l’internet mobile mentre viaggiano.
  • il 69% delle aziende appartenenti al settore travel ha visto un incremento del traffico al proprio sito generato da Facebook
  • il 46% delle aziende appartenenti al settore travel ha visto un incremento del traffico al sito generato da Twitter
  • Southwest Airlinesdetiene il record di “like” su Facebook (+1,655,000) e followers su Twitter (1,147,000)
  • Las Vegas, Singapore, Sydney, Londra, New York sono in ordine le citta’ con il maggiore numero di “like” associati alla pagina Facebook corrispondente (Las Vegas has +445,700 like su Facebook)
  • il 52% degli studenti afferma di aver ricevuto ispirazione per un determinato viaggio guardando le foto dei propri amici
  • il 46% di essi invece afferma di essere stati invitati a prendere parte ad un viaggio attraverso Facebook
  • il 45% e’ stimolato da Facebook a visitare amici all’estero
  • 50 milioni di recensioni sono state create su Tripadvisor per circa 495,000 hotel
Qui sotto l’infografica completa 🙂

Infographic-The-Social-Travel-Revolution-Large

Written by saraboargs

luglio 25, 2011 at 4:24 am

Airbus e il Futuro del Trasporto Aereo Commerciale

leave a comment »

Nel tentativo di salvaguardare la propria posizione di leadership nonche’ la propria competitività a livello mondiale, Airbus puo’ vantarsi delle proprie capacità ad innovare  costruendo gli aerei più efficienti al Mondo.

Airbus Airplanes

In questo scenario, recentemente gli ingegneri di Airbus hanno creato un video informativo, “The future, by Airbus“, nel quale presentano la “Concept cabin” – una vera rivoluzione basata su ecosostenibita‘ e design all’avanguardia.

La Concept cabin potrebbe diventare realta’ nel trasporto aereo commerciale verso le meta’ del secolo.

Qualche chicca?

  • Fusoliere trasparenti che consenttono ai passeggeri viste mozzafiato della città che si trova 40.000 piedi sotto i loro piedi.
  • Proiezioni olografiche che trasformano la cabina in un giardino Zen.
  • Sedili che si autopuliscono e creati in modo ecologico nonche’ in grado di cambiare forma in base alle vostre esigenze e alla vostra fisionomia.
  • Poggiatesta che non si sporcano mai
  • Soffitto trasparente per guardare le stelle e abbandonandovi allo spazio infinito dell’universo… (!)

Per farvi un’idea piu’ precisa, eccovi il video (recentemente distribuito da Travelindex Network e Travel & Tourism Foundation):

Sul sito ufficiale, potete inoltre scaricare  il report completo.

Written by saraboargs

luglio 15, 2011 at 7:29 am

10 consigli per promuovere il vostro Hotel sui Social Media

leave a comment »

Le vacanze estive si avvicinano (e per alcuni mi sembra siano gia’ arrivate).

E se per chi parte esse costituiscono fonte di immensa felicita’, per gli albergatori possono rivelarsi una fonte stress e quesiti.

  • I miei ospiti saranno soddisfatti del proprio soggiorno?
  • Come posso attrarre piu’ clienti e fare  si di avere un ritorno l’anno prossimo?
  • Come posso utilizzare il web per dare maggiore visibilita’ alla mia offerta turistica?

In questi giorni ho messo insieme qualche consiglio che spero possa aiutare manager/gestori di hotel/b&b/ostelli a:

  1. promuovere il proprio business  a nuovi potenziali viaggiatori
  2. soddisfare i propri ospiti
  3. migliore l’immagine del proprio business
  4. migliorare l’interazione con i vostri ospiti

Come?

Attraverso un efficace utilizzo dei Social Media.

10 semplici idee che credo possano portare risultati concreti:

  • senza dover ricorrere a budget astronomici
  • evitando di spendere ore davanti ad uno schermo 🙂

Eccole qui, spero vi siano utili 🙂

  • Create un blog sul quale postare informazioni sulle attività, le attrazioni, i ristoranti, lo shopping, la vita notturna della vostra localita’. Un blog vi permette di fornire ai vostri ospiti suggerimenti  utili e sul cosa fare ed rappresenta inoltre una fonte costante di contenuti che e’ possibile diffondere su social network quali Facebook e Twitter.
  • Gestite la reputazione online dell’hotel, invitando i clienti ad scrivere recensioni su TripAdvisor, Google Places o altri siti web di stampo turistico che accettano recensioni. Assicurati di rispondere a tutte le revisioni e di  gestire il tuo profilo su questi siti (includendo una descrizione complete della struttura, immagini, telefono, indirizzo email). Non sottovalutate nessuno fra questi elementi, l’importanza delle immagini nel processo decisionale del turista e’ fondamentale. Scegliete solo immagini di alta qualita. Fate in mondo che la descrizione sia esaudiente e fornite un contatto email che monitorate regolarmente. Create un alert per ricevere notifiche via email ogni volta che il nome del vostro business viene menzionato online. E un alert per la vostra localita’.
  • Invitate gli ospiti a contattarvi su Facebook , esperimendo il proprio “like” sulla vostra pagina (nb: se ancora non avete una Pagina Facebok per il vostro business, e’ giunto il momento di crearla), ed invitateli a pubblicare le immagini dell’hotel e del loro viaggio all’interno della pagina. Suggerite loro di caricare le foto su Panoramio , social network fotografico, che essendo di proprieta’ di Google puo’ facilitare la scoperta di immagini legate al vostro hotel sul principale motore di ricerca.
  •  Interagite con altre strutture ed attrazioni locali tramite Twitter e Facebook, utilizzando ‘@’ unito al nome del  loro profilo. Questo contribuira’ ad aumentare il vostro livello di interazione e quindi a far crescere la vostra sfera di influenza online. Pensate come i vostri ospiti: collegatevi ad altre attrazioni e centri di informazioni turistiche tramite Facebook. Seguite centri benessere, ristoranti locali, parchi su Twitter.  Basterebbe dare un’occhiata veloce ad alcune pagine Facebook e molto spesso le richieste di alloggio sono lì pronte per essere afferrate.  Ipotizziamo un esempio: sulla pagina Facebook della città di Roma, una ragazza sta chiedendo consigli su cosa fare durante il proprio soggiorno. Opportunita’: Congratulatevi con lei per aver scelto  Roma come destinazione, includendo un link ad un post del vostro blog che presenta la “Top 10 delle cose da fare durante un weekend a Roma”. In questo modo è possibile iniziare un dialogo e dopo un paio di scambi lei potrebbe decidersi a prenotare un weekend presso il vostro albergo.
  • Premiate i vostri clienti. Gli incentivi motivano le persone (e.g. offrite un weekend gratuito in cambio della miglior foto del mese…)
  • Utilizzate strumenti quail Foursquare o Gowalla possono aiutarvi a dare visiblita’ al vostro hotel. Offrite un cocktail gratuito a chi dei vostri ospiti effettua il check- in online tramite uno fra questi 2 strumenti. Oppure un upgrade gratuito in base alla disponibilità (1 al giorno, ovviamente;)).
  • Trovate video interessanti e divertenti che abbiamo come oggetto la vostra destinazione e aggiungeteli al vostro canale YouTube. Create una sorta di video -guida per la vostra destinazione. Non dimenticate di complimentarvi con l’autore del video e informatelo del  fatto che avete aggiunto il suo video sul canale ufficiale del vostro hotel.
  • Riciclate i vostri contenuti sui vari social network. Le recensioni positive dovrebbero essere postate su Twitter e Facebook, così come gli articoli del vostro blog. Raccogliete le foto dei vostri ospiti da Picasa, Flickr e Panoramio e create un album su Facebook che le contenga tutte (se sono molte, potete creare piu’ album con temi diversi).
  • Lasciatevi aiutare da qualcuno che sia appassionato e pratico del web che vi aiuti aiuti a promuovere il vostro business social media.  Qualcuno che sia veloce e agile nell’interagire con gli strumenti di cui sopra e che abbia ottime capacita’ relazionali. E’ molto importante.
  • Uscite dagli schemi tradizionali. Sui Social Media, il senso dell’umorismo funziona meglio di  un approccio formale e convenzionale. Pensateci un attimo: qual è l’ultima cosa che avete letto o su cui avete cliccato su Facebook? Probailmente era divertente, interessante ed originale. Sui social, è questo che funziona …

Buona estate… e in bocca al lupo!

Sara

(*) questo post e’ stato liberamente tradotto  da Xotels blog

Letture per l’inverno :)

with 4 comments

reading

Di recente il mio Kindle per iPad e’ stato inondato da vari libri che mi sono prefissata di leggere nel giro dei prossimi 3/4 mesi (ovvero durante l’inverno e la primavera australiani… dove avverranno la maggiorparte delle letture – se sotto le coperte o sulla sabbia – ve lo sapro’ dire piu’ avanti 🙂 ).

Alcuni li ho scelti perche penso mi possano fornire strumenti utili in questa fase della mia vita, altri come supporto del mio lavoro, altri per mantenere l’ispirazione.

Ve li propongo qui, nel caso stiate cercando qualche idea prima di partire per le vacanze … o semplicemente siate alla ricerca di qualche titolo che vi incuriosisca…

  • Launch: How to Quickly Propel Your Business Beyond the Competition di Mike Stelzner. Mike e’ il fondatore di Socialmediaexaminer.com, una delle risorse a mio avviso indispensabili per chiunque sia appassionato di social media.  I motivi per cui ho acquistato Launch sono principalmente 2: il primo e’ che ho sempre tratto valore da tutto cio’ che Mike ha scritto, il secondo e’ che si tratta di una guida al marketing non convenzionale che si basa sul seguente principio (che ritengo vero) detto “Elevation“, che afferma: Great Content + Other People – Marketing Messages = Real Growth. La formula mi convince e sono curiosa di approfondire le motivazioni a supporto…
  • The 17 essential qualities of a Team Player di John Maxwell: John Maxwell e’ uno dei massimi esperti di Leadership al Mondo. e proprio la settimana socrsa ho avuto la possibilita’ di conoscerlo e di farci 2 chiacchiere di persona. Cosa dirvi? emana saggezza.. ed una umanita’ immensa. Essendomi da poco inserita in diversi team, ho pensato che questo fosse il libro giusto da cui partire. In John I definitely trust 🙂
  • An optimist tour of the future di Mark Stevenson: mai come in questo momento mi trovo a fantasticare sul futuro e su cio’ che, di positivo, spero ci riservi. Troppo spesso mi capita di sentire opinioni catastrofiche, riflessioni pessimiche e ciniche su quello che ci attende… e di cadere in questa trappola a mia volta. Abbiamo bisogno di ben altro che essere scoraggiati e credo che Mark Stevenson abbia qualche idea in merito…
  • The accidental Creative di Todd Henry: ho scoperto Todd casualmente 2 giorni fa, dopo aver letto un tweet che rimandava al suo blog. Dopo aver visto il video introduttivo e dopo aver letto il primo capitolo (disponibile gratuitatamente sul sito) sono passati circa 3 minuti prima che lo avessi scaricato. Date un’occhiata e capirete il perche’.  Todd Henry rivela le dinamiche che regolano la creativita’ applicata alla produttivita’ ed si propone di offrire alcune semplici practiche per sviluppare idee vincenti e creare un ritmo che supporti il proprio processo creativo. Il libro e’ stato definito “an inspiring and practical guide for staying fresh and doing brilliant work“.  Love it.
  • Problem Solving 101 di Ken Watanabe: originariamente, Ken Watanabe scrisse Problem Solving 101 per gli studenti giapponesi. Il suo obiettivo era quello di contribuire a spostare l’attenzione – nell’ambito dell’istruzione giapponese – dalla memorizzazione al pensiero critico, riadattando alcune delle tecniche che aveva imparato come consulente McKinsey. Non molto dopo, anche gli adulti cominciarono ad essere interessati a questa semplice e divertente guida al problem solving, Il libro divenne un bestseller in Giappone, con più di 370.000 copie in stampa dopo sei mesi. Oggi, molti professionisti in tutto il Mondo lo utilizzano per migliore alcuni importanti skill. Watanabe fa gran uso di scenari per illustrare le sue tecniche: una rock band che cerca di capire come aumentare le presenze ad un proprio concerto. Un aspirante animator  che deve decidere per l’acquisto di un nuovo computer. Alcuni studenti che devono decidere a quale scuola superiore iscriversi. Tutto questo illustrato con schemi e disegni stravaganti. Semplice e pratico.
  • This I Believe di Jay Allison: questo libro comprende ottanta saggi che presentano le filosofie personali di alcuni uomini e donne straordinari del passato.  L’antologia si estende su un periodo di quasi 60 anni e contiene pensieri e riflessioni di personaggi quali Albert Einstein, Temple Grandin, Martha Graham, Kay Redfield Jamison (“intense experience and suffering instruct us in ways less intense emotions can never do”), Eleanor Roosevelt (“I don’t know whether I believe in a future life. I believe that all that you go through here must have some value; therefore, there must be some reason“). Mi ha sempre affascinato conoscere i pensieri più intimi di personaggi che hanno fatto la differenza… e riflettere su quante, e quanto diverse, siano le credenze che ispirano ogni azione umana. In una società sempre più interdipendente e interconnessa, capire le posizioni degli altri non è mai stato così importante. E credo che le riflessioni incluse in questo libro possano sicuramente aiutarmi in questo e – ancora piu importante – a riflettere piu’ profondamente sulle mie convinzioni.

This is it folks!

E voi? avete qualche libro che state per iniziare o che avete appena terminato da condividire?

Fatemi sapere… potrebbero diventare le mie letture per l’estate 😉

Baci,

Sa

Written by saraboargs

luglio 9, 2011 at 5:03 am