Connecting the Dots – Il Blog di Sara Borghi

Posts Tagged ‘web marketing

Web Marketing Infographic – Aumentare l’Autorevolezza del proprio Business Online

leave a comment »

Una recente  infographic realizzata da Vertical Measures presenta alcune tattiche che possono essere utilizzate per aumentare l’autorevolezza  del proprio business.  Queste tattiche sono suddivise in 3 principali categorie:

  1.  link building
  2. social media marketing
  3. content marketing

L’infografica mette in guardia contro pratiche ‘black-hat‘ , ovvero azioni eticamente scorrette e che per questo possono causare penalizzazioni da parte di Google… una condizione dalla quale non e’ semplice uscire!

Infographic: The Authority Building Machine

Written by saraboargs

novembre 16, 2011 at 10:36 pm

10 consigli per promuovere il vostro Hotel sui Social Media

leave a comment »

Le vacanze estive si avvicinano (e per alcuni mi sembra siano gia’ arrivate).

E se per chi parte esse costituiscono fonte di immensa felicita’, per gli albergatori possono rivelarsi una fonte stress e quesiti.

  • I miei ospiti saranno soddisfatti del proprio soggiorno?
  • Come posso attrarre piu’ clienti e fare  si di avere un ritorno l’anno prossimo?
  • Come posso utilizzare il web per dare maggiore visibilita’ alla mia offerta turistica?

In questi giorni ho messo insieme qualche consiglio che spero possa aiutare manager/gestori di hotel/b&b/ostelli a:

  1. promuovere il proprio business  a nuovi potenziali viaggiatori
  2. soddisfare i propri ospiti
  3. migliore l’immagine del proprio business
  4. migliorare l’interazione con i vostri ospiti

Come?

Attraverso un efficace utilizzo dei Social Media.

10 semplici idee che credo possano portare risultati concreti:

  • senza dover ricorrere a budget astronomici
  • evitando di spendere ore davanti ad uno schermo :)

Eccole qui, spero vi siano utili :)

  • Create un blog sul quale postare informazioni sulle attività, le attrazioni, i ristoranti, lo shopping, la vita notturna della vostra localita’. Un blog vi permette di fornire ai vostri ospiti suggerimenti  utili e sul cosa fare ed rappresenta inoltre una fonte costante di contenuti che e’ possibile diffondere su social network quali Facebook e Twitter.
  • Gestite la reputazione online dell’hotel, invitando i clienti ad scrivere recensioni su TripAdvisor, Google Places o altri siti web di stampo turistico che accettano recensioni. Assicurati di rispondere a tutte le revisioni e di  gestire il tuo profilo su questi siti (includendo una descrizione complete della struttura, immagini, telefono, indirizzo email). Non sottovalutate nessuno fra questi elementi, l’importanza delle immagini nel processo decisionale del turista e’ fondamentale. Scegliete solo immagini di alta qualita. Fate in mondo che la descrizione sia esaudiente e fornite un contatto email che monitorate regolarmente. Create un alert per ricevere notifiche via email ogni volta che il nome del vostro business viene menzionato online. E un alert per la vostra localita’.
  • Invitate gli ospiti a contattarvi su Facebook , esperimendo il proprio “like” sulla vostra pagina (nb: se ancora non avete una Pagina Facebok per il vostro business, e’ giunto il momento di crearla), ed invitateli a pubblicare le immagini dell’hotel e del loro viaggio all’interno della pagina. Suggerite loro di caricare le foto su Panoramio , social network fotografico, che essendo di proprieta’ di Google puo’ facilitare la scoperta di immagini legate al vostro hotel sul principale motore di ricerca.
  •  Interagite con altre strutture ed attrazioni locali tramite Twitter e Facebook, utilizzando ‘@’ unito al nome del  loro profilo. Questo contribuira’ ad aumentare il vostro livello di interazione e quindi a far crescere la vostra sfera di influenza online. Pensate come i vostri ospiti: collegatevi ad altre attrazioni e centri di informazioni turistiche tramite Facebook. Seguite centri benessere, ristoranti locali, parchi su Twitter.  Basterebbe dare un’occhiata veloce ad alcune pagine Facebook e molto spesso le richieste di alloggio sono lì pronte per essere afferrate.  Ipotizziamo un esempio: sulla pagina Facebook della città di Roma, una ragazza sta chiedendo consigli su cosa fare durante il proprio soggiorno. Opportunita’: Congratulatevi con lei per aver scelto  Roma come destinazione, includendo un link ad un post del vostro blog che presenta la “Top 10 delle cose da fare durante un weekend a Roma”. In questo modo è possibile iniziare un dialogo e dopo un paio di scambi lei potrebbe decidersi a prenotare un weekend presso il vostro albergo.
  • Premiate i vostri clienti. Gli incentivi motivano le persone (e.g. offrite un weekend gratuito in cambio della miglior foto del mese…)
  • Utilizzate strumenti quail Foursquare o Gowalla possono aiutarvi a dare visiblita’ al vostro hotel. Offrite un cocktail gratuito a chi dei vostri ospiti effettua il check- in online tramite uno fra questi 2 strumenti. Oppure un upgrade gratuito in base alla disponibilità (1 al giorno, ovviamente;)).
  • Trovate video interessanti e divertenti che abbiamo come oggetto la vostra destinazione e aggiungeteli al vostro canale YouTube. Create una sorta di video -guida per la vostra destinazione. Non dimenticate di complimentarvi con l’autore del video e informatelo del  fatto che avete aggiunto il suo video sul canale ufficiale del vostro hotel.
  • Riciclate i vostri contenuti sui vari social network. Le recensioni positive dovrebbero essere postate su Twitter e Facebook, così come gli articoli del vostro blog. Raccogliete le foto dei vostri ospiti da Picasa, Flickr e Panoramio e create un album su Facebook che le contenga tutte (se sono molte, potete creare piu’ album con temi diversi).
  • Lasciatevi aiutare da qualcuno che sia appassionato e pratico del web che vi aiuti aiuti a promuovere il vostro business social media.  Qualcuno che sia veloce e agile nell’interagire con gli strumenti di cui sopra e che abbia ottime capacita’ relazionali. E’ molto importante.
  • Uscite dagli schemi tradizionali. Sui Social Media, il senso dell’umorismo funziona meglio di  un approccio formale e convenzionale. Pensateci un attimo: qual è l’ultima cosa che avete letto o su cui avete cliccato su Facebook? Probailmente era divertente, interessante ed originale. Sui social, è questo che funziona …

Buona estate… e in bocca al lupo!

Sara

(*) questo post e’ stato liberamente tradotto  da Xotels blog

Be Wizard 2011 Rimini – Prime Impressioni

with 5 comments

be-wizard-rimini-2011Sono appena rientrata da questa intensissima 2 giorni al Be-Wizard di Rimini, e ancora un pò elettrizzata dall’atmosfera e dagli stimoli ricevuti vorrei condividere con voi alcune sintetiche riflessioni :)

Innanzitutto, perchè ho deciso di andare il Be Wizard?

Occupandomi di web marketing e mossa dal desiderio di migliorarmi giorno per giorno ed in ogni ambito della mia attività, sono stata immediatamente catturata dal calibro degli speaker e dalla varietà degli argomenti trattati.

L’opportunità di ascoltare professionisti quali Rand Fishkin di SEOMoz, Avinash Kaushik (Evangelist di Google Analytics nonchè uno dei massimi esperti mondiali di analisi web) e Marcus Tandler di Mediadonis ha rappresentato per me un incentivo fortissimo, sopratutto in questa fase durante la quale sto assistendo a frequenti e importanti evoluzioni nel web marketing… per le quali mi sto ponendo varie domande e  alla luce delle quali ritengo sia importante rimanere saldamente focalizzati per non rischiare di farsi trasportare da false credenze o, al contrario, dando troppo peso a cose tutto sommato superflue.

In questi 2 giorni… dei quali tanto devo ancora digerire ed elaborare… una cosa però posso dire di avere già realizzato…a poche ore dalla chiusura dell’evento:

che la bellezza, la creatività, la curiosità, il divertimento, l’intuizione, la scienza, il rischio, le sorprese che alimentano la nostra attività…costituiscono quella linfa che ogni giorno possiamo riscoprire attraverso i progetti, le analisi ed la collaborazione con il nostro team e con i nostri clienti e (meno male!) anche grazie al supporto di persone che, un pò per talento e un pò per esperienza, ci aiutano a fare un gradino in più nel nostro percorso e crescita…

Un grazie ai bravissimi relatori (ho imparato, e anche tanto, da tutti):

- Avinash Kaushik: non penso sia possibile per nessun altro trasmettere con tanta chiarezza passione contenuti di web analytics… divertendosi come un bambino. Straordinario.

- Rand Fishkin: veeeeeeeeeeery charming , scientifico e assolutamente impeccabile :)

- Paolo Zanzottera: divertente e molto brillante, utilissimi gli spunti sull’ottimizzazione dei video, GRAZIE!

- Marcus Tandler & Niels Dörje: vulcanici… ho apprezzato particolarmi la loro abilità del creare il “contesto” di riferimento per poi approfondire gli argomenti trattati nelle rispettive presentazioni… Chapeau.

Fabio Sutto: molto pratico e convincente, mi hai dato tantissime idee

Per chi le desidera, ho le caricato le registrazioni + appunti dei seguenti interventi su DropBox:

  1. Avinash Kaushik – Google Analytics per il Turismo
  2. Fabio Sutto – Practical Social Media Marketing
  3. Niels Dörje – Google Places
  4. Rand Fishkin – Evoluzione del Google Ranking
  5. Rand Fishkin – Social Media and SEO

Se vi interessano lasciate un commento (oppure mandatemi una email a saraboargs@gmail.com) e vi metto in condivisione la cartella.

Per chiudere… complimentissimi agli organizzatori per essere stati in grado di gestire con fluidità e efficienza l’evento :)

Arrivederci, spero, al Be-Wizard 2012!

Sara

me-and-avinash

Written by saraboargs

marzo 12, 2011 at 11:29 pm

Guida al Marketing Online di Unbounce

leave a comment »

Vi segnalo una grandiosa guida al web marketing realizzata dal team di Unbounce, contenente un piano d’azione (da sviluppare in circa 6 mesi) per promuovere il proprio business online.

Qui sotto la rappresentazione grafica dei vari “task” suddivisi per canale di promozione.

Happy learning :)

The Noob Guide to Online Marketing - Infographic
Unbounce – The DIY Landing Page Platform

Trend del Turismo Online – Ricerca PhocusWright

leave a comment »

Un  recentissimo studio rilasciato da PhocusWright, agenzia leader nell’ambito delle ricerche di mercato  per il settore travel, intitolato “Consumer Response to Travel Site Performance” ha esaminato gli elementi principali che oggi vanno ad influire sul’esperienza del turista online, soffermandosi in particulare su 4 componenti:

1)      Livello di soddisfazione

2)      Aspettative in merito alla velocita’ (e conseguente tolleranza)

3)      Attivita’ svolte durante il caricamento della pagina

4)      Motivi di abbandono del sito

5)      Reazioni a seguito di errori tecnici

La ricerca ha messo in luce i seguenti dati ( e molti altri :) ), molto interessanti, che vi presento brevemente di seguito:

L’esperienza del turista online non delude

La grande maggioranza dei turisti e’ soddisfatta della propria esperienza di acquisto online

La regola dei 3 secondi

 Il 57% dei  turisti online aspetta non piu’ di 3 secondi prima di abbandonare il sito

Generazione Y

La generazione Y (ed in generale le nuove generazioni) e’ molto meno paziente rispetto alle generazioni precedenti quando si tratta di tempo di caricamento della pagina; il 65% della fascia 18-24 si aspetta che un sito si carichi in massimo 2 secondi.

Prevenzione 

Un terzo dei turisti online sarebbe meno incline a visitare nuovamente un sito qualora riscontrasse problemi tecnici. Il segmento dei Business Travelers e’ piu’ incline ad avere una reazione negativa.

“Loyalty is not forgiveness”

I membri attivi di programmi-fedelta’ tendono ad avere reazioni contrapposte in termini di tolleranza. Se da un lato sono piu’ inclini rispetto ad altre categorie di turisti a non scomporsi a causa di problemi temporanei ad un sito, sono allo stesso tempo predisposti ad avere reazioni negative.

Turisti online = Multitaskers 

Il 59% compie qualcos’altro mentre attende il caricamento del sito.

Tasse nascoste possono costare caro 

Lo studio ha dimostrato che circa il 43% dei turisti online  ha abbandonato il processo di prenotazione in atto, in quanto il prezzo finale del prodotto/servizio si e’ rivelato piu’ alto rispetto a quello che era disposto a pagare.

Vi invito, se avete circa 30 minuti disponibili, a leggere l’intero report.

E’ affascinante capire come chi viaggia modifichi continuamente le proprie aspettative, diventando sempre piu’ critico ed esigente. Cio’ richiede a chi opera nell’ambito dell’online travel un costante aggiornamento in merito a pratiche di usabilita’, accessibilita’ ed ottimizzazione delle conversioni, ma soprattutto, un approfondita analisi dei requisiti (e, piu’ in generale, delle aspettative) propri di chi visita il vostro sito ed e’ potenzialmente interessato ad acquistare il vostro prodotto/servizio turistico.

 Il turismo online evolve… anche molto in fretta! E stare al passo non e’ piu’ solo una scelta opzionale.

Written by saraboargs

maggio 10, 2010 at 9:20 am

Buy Tourism Online 2009 Recap :)

with 5 comments

Ciao a Tutti Voi!

Dopo mesi (cavolo…M-E-S-I,  sono pessima…) di assenza (ok,in realtà qualcosa bolle in pentola, ma vi dirò poi…), torno ad aggiornare il mio blogghino.

Sono reduce da 2 giorni intensi nella bella Firenze (erano anni che non vi mettevo piede e sono rimasta impressionata dalla quantità di giovani studenti stranieri che popolano le strade della città… numerosissimi e piacevolmente casinisti ;) ), dove ho preso parte all’edizione Light 2009 del Buy Tourism Online (BTO), conferenza dedicata alle opportunità offerte dal Web per gli operatori del settore turistico e che ha visto fra i relatori della giornata di lunedì il team appartenente all’area “Travel” di Google e nello specifico formato da:

Roberto BrennerIndustry Leader Travel&Automotive Google Italia
Rosa LongobardoSenior Account Associate Google Italia
Francesco MiceliAccount Strategist Google Italia
Irene MontoneKey Account Manager Travel Google Italia.

Ecco, al di là dell’efficacia nell’esposizione dei contenuti (finalizzati ad “istruire” l’eterogeneo pubblico presente nell’Aula Magna del Campus Universitario di Novoli sui prodotti advertising offerti da Google) sono rimasta estremamente colpita dalla freschezza e dalla passione di questi ragazzi, che nonostante le numerose interruzioni da parte della audience hanno saputo fornire una panoramica molto dettagliata del complicato panorama pubblicitario online. Io che pur lavoro nel settore web marketing e forse partivo da una knowledge base più alta rispetto alla media della sala ho avuto modo di approfondire vari aspetti e scoprirne di nuovi.  Pertando grazie al team Google :)

La giornata di ieri (purtroppo non vissuta fino alla fine, causa precarie condizioni di salute O_o , pertando scusatemi se non riporto tutto…) ha visto fra i protagonisti:

Alessandro Picchioni, consulente di Economia e Finanza

Roberto Frua di TripAdvisor

Laura Valerio di Expedia

Roberta Milano, blogger ed esperta di Turismo e Web 2.0

nonchè gli altri membri del dibattito che ha concluso la mattinata:

Paolo CocchiAssessore al Turismo di Regione Toscana
Giancarlo CarnianiAlbergatore e coordinatore BTO – Buy Tourism Online 2008
Antonio GiustiPresidente del Corso di Laurea in Progettazione dei Sistemi Turistici
Mirko LalliResponsabile Area Marketing Fondazione Sistema Toscana
Gerri MartinuzziDirigente Camera di Commercio di Firenze

Buono a mio avviso l’approccio di iniziare dall’inquadramente economico/finanziario, incentrando sull’evoluzione storica che ha portato all’attuale scenario con il quale gli operatori turistici si stanno confrontando (anzi,meglio forse scontrando?) a livello locale, analizzando poi gli scenari relativi all’utilizzo dello strumento web da parte dei “viaggiatori” (scusatemi, ma a me il termine “turista” proprio non mi piace :):)) e concludendo con osservazioni legate alle possibili soluzioni per essere competitivi nonostante le difficoltà strutturali che in questo momento rendono apparentemente rischiosa ogni “mossa” strategico/operativa.

Molti gli spunti e forse poco il tempo per digerire tutto, ma di una cosa sono certa: tutto ciò che di più efficace/efficiente vi sia ad oggi nell’online è stato presentato ed illustrato in questi 2 giorni. Ora sta davvero ai singoli attori decidere quali “armi” utilizzare per raggiungere i propri obiettivi.

D’altro canto non mi sento di fare osservazioni troppo azzardate relative ad una azione di tipo “Macro”: l’Italia necessità indubbiamente di una strategia di promozione sul web che sia di calibro internazionale, integrata ed univoca, ma dal mio punto di vista se a partire da adesso i singoli operatori si attivassero autonomamente per sfruttare il canale online, questo rappresenterebbe già un punto di arrivo notevole nonchè solida base per una vera strutturazione di una campagna online “Italia”.

Vi invito a contribuire con il vostro punto di vista… mi stimola molto questo argomento:)

Grazie per essere tornati qui… prometto che vi lascerò meno soli d’ora in avanti…

Un abbraccio,

Sara

ps: se avete voglia di leggere alcuni appunti della giornata di ieri fatemi un cenno qui sotto e ve li mando per email senza problema ;) cheers!

Reblog this post [with Zemanta]
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.